Chi siamo?
Il Polo Didattico è una sede Formativa dell’Azienda ASL di Pescara, convenzionato con l’Università degli Studi "Gabriele D’Annunzio" di Chieti - Pescara, Facoltà di Medicina e Chirurgia. Ha competenze pedagogiche - professionalizzanti per la formazione di base e post - base degli Operatori Sanitari.

Cosa offriamo?

Dove siamo ?
Il Polo Didattico è situato presso il Presidio Ospedaliero dell’Azienda ASL di Pescara in Via Renato Paolini n° 47 Palazzina L ingresso 2.

Come si raggiunge?
Per chi viene in autostrada (A 14): prendere l’uscita Pescara Ovest, immettersi sull’asse attrezzato e dopo circa 9 Km uscire seguendo l’indicazione Ancona-Foggia, con direzione Ancona; affidarsi infine alla segnaletica ospedaliera.
Per chi viene in autostrada (A 24): dopo area di servizio "Brecciarola", a circa 2 chilometri uscita Chieti - Pescara, proseguire verso Pescara immettendosi sull’asse attrezzato (prima uscita a destra), dopo aver percorso circa 9 chilometri in direzione Pescara, uscire seguendo l’indicazione Ancona-Foggia , con direzione Ancona; affidarsi infine alla segnaletica ospedaliera.
Per chi viene in Treno: giunti alla stazione di Pescara, prendere indifferentemente gli autobus numeri 12 o 5.
Per chi viene in aereo: autobus per Pescara stazione ferroviaria

La nostra filosofia
Il pensiero filosofico di questa sede è quello di porre al centro di ogni attività formativa e assistenziale la dignità della persona, con i suoi diritti fondamentali, individuali e sociali. Diritti visti non come “precetto”, bensì come prodotto del grado di evoluzione, preparazione e sensibilità dell’infermiere  che ha come modello “La teoria dei bisogni” (V. Henderson).
Virginia Henderson definisce l’uomo come “un individuo che tende verso l’indipendenza e fa’ tutto ciò che può per mantenerla”.

Il concetto fondamentale della professione infermieristica è quello di “prendersi cura”  (“to care”) della persona, della famiglia e della comunità. Ciò significa aiutare a promuovere e tutelare la salute e, in alcuni casi, a garantire un’autonomia che porti al raggiungimento dell’indipendenza dell’individuo.
Sia la ricerca, sia l’educazione devono influenzare positivamente la qualità della cura prestata dall’infermiere.

Alla base di tale riflessione c’è il rispetto primario della persona: principio fondamentale che motiva il giovane studente ad introiettare i valori etico-deontologici determinanti per ottenere una identificazione con la propria professione, generando quella serenità che il singolo professionista proietta verso colui che necessita di cure.

Altro elemento del pensiero filosofico di questa sede è la  “consapevolezza”, intesa come capacità di agire rendendosi conto delle reali necessità e quanto sia di vitale importanza l’assistenza al malato che, il più delle volte, si trova in una situazione di assoluta solitudine e non può che fare affidamento sulla figura dell’infermiere che, come si è già detto, mette in primo piano la dignità dell’uomo, garantendo la massima disponibilità assistenziale ed umana.  

Obiettivo
Formare professionisti a livello europeo con una preparazione umana, culturale, scientifica e professionale avanzata e di qualità elevata.

Preparazione che mira a fornire competenze olistiche (cognitive, emotive, comportamentali, ecc.) che producano risultati di eccellenza per il raggiungimento del benessere della persona presa in carico, della famiglia, della comunità.
 

Ultimo aggiornamento: 09/03/19